Timothée Chalamet intervista Zendaya e raccontano il backstage del set di “Dune”

Feste da ballo in camera di Zendaya

Zendaya è la favolosa cover star del nuovo numero di Elle, chi ha avuto l'onore di farle le domande per l'intervista di copertina? Il suo amico e co-protagonista di DuneTimothée Chalamet.

I due giovani attori si sono avvicinati molto sul set di Dune, nuovo adattamento cinematografico del regista Denis Villeneuve del romanzo di fantascienza di Frank Herbert del 1965. Il film è attesissimo, doveva uscire quest'autunno, ma la pandemia globale aveva altri piani e la data è stata spostata al 2021.

Più che un'intervista è una conversazione tra amici e infatti hanno rivelato dei fantastici dettagli del backstage del film. Ecco cosa si sono detti:

T: In Dune, i nostri personaggi devono affrontare terribili scelte in un crudele mondo di fantascienza ambientato in un lontano futuro. Com'è stato girare questo film per te?

Z: Oddio. Mi sono divertita moltissimo. Mi sentiva un tale tosta, solo indossando quel vestito e camminando su queste bellissime formazioni rocciose. Era bello ed eccitante essere parte della magia.

T: Qual è stata la tua cosa preferita che abbiamo fatto durante le pause dalle riprese?

Z: Immagino siano state le feste da ballo che ho ospitato nella mia stanza.

T: Alla fine c'è stata una pazzesca festa di fine riprese. Eravamo con alcuni membri del cast, poi è arrivato Javier [Bardem] e stavamo tutti ballando.

Z: Javier è venuto, sì.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

@elleusa

Un post condiviso da Zendaya (@zendaya) in data:

In questa saga intergalattica ambientata in un futuro distopico, Zendaya interpreta Chani, una guerriera del pianeta Arrakis, che inizialmente è diffidente nei confronti di Paul Atreides ovvero Chalamet, l'erede di una famiglia aristocratica a cui è stato affidato il compito di impossessarsi del suo pianeta natale, ma i due alla fine formano uno stretto legame. E sì, c'è pure un bacio!

Anche se il libro è stato pubblicato nel 1965 e il film è stato girato nel 2019 prima della pandemia, quando lo vedremo al cinema forse noteremo dei parallelismi con la nostra realtà attuale: il clima rigido di Arrakis e i giganteschi vermi della sabbia che si stagliano contro i cieli arancioni intasati dal fumo (il nostro inquinamento). 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Beyond fear, destiny awaits. Watch the trailer for the highly anticipated #DuneMovie now.

Un post condiviso da DUNE (@dunemovie) in data:

Zendaya non è in grado di prevedere cosa gli spettatori prederanno dal film o come sarà il mondo domani, ma rimane ottimista. Ha chiuso il suo discorso di accettazione agli Emmy riconoscendo che anche se Euphoria, con le sue rappresentazioni crude di sesso adolescenziale, droghe e traumi, potrebbe non essere sempre un brillante esempio, per lei "c'è speranza nei giovani".

Il film vanta un cast impressionante che include anche Oscar Isaac, Josh Brolin, Rebecca FergusonJason Momoa, Stellan Skarsgård, Dave Bautista, Javier Bardem e altri.

Il film è diretto da Denis Villeneuve, che immaginiamo abbia fatto un'operazione molto simile a quella del suo precedente Blade Runner 2049Dopo Ridley Scott, il regista si è quindi confrontato con un altro mostro sacro del cinema, David Lynch, che nel 1984 girò la prima trasposizione cinematografica di Dune

ph. getty images