Jennifer Lawrence commenta il fatto che Leonardo DiCaprio è stato pagato più di lei per Don’t Look Up

"Estremamente scomodo chiedere la parità di retribuzione"

Puoi anche aver vinto il premio Oscar tre anni prima del tuo co-protagonista, ma se sei una donna verrai comunque pagata di meno.

È quello che è successo a Jennifer Lawrence, che ha avuto un compenso inferiore rispetto alla sua co-star Leonardo DiCaprio per recitare in Don’t Look Up, la nuova distaster comedy, scritta e diretta da Adam McKay, in uscita a Natale.

Nella nuova cover story di JLaw per Vanity Fair, viene rivelato che l'attrice ha guadagnato $ 25 milioni per il suo lavoro nel film, mentre Leo ha ricevuto un compenso di $ 30 milioni.

Nel pezzo viene sottolineato che Jennifer ha guadagnato 83 centesimi per un dollaro dello stipendio di Leo, che si allinea con le statistiche che mostrano che le donne che hanno lavorato a tempo pieno nel 2020 hanno guadagnato l'82,3% di quello che hanno guadagnato gli uomini.

La reazione di Jennifer a queste informazioni? Da gran signora. 

Sì, l’ho visto” ha commentato l’attrice a VF riferendosi agli articoli usciti l'estate scorsa sulla disparità di compenso. "Guarda, Leo porta più box office di me. Sono estremamente fortunata e felice del mio accordo".

Poi però ha parlato francamente di altre situazioni in cui si è trovata:

"Ma in altre situazioni, quello che ho visto - e sono sicura che anche altre donne nel mondo del lavoro hanno visto - è che è estremamente scomodo chiedere la parità di retribuzione. E se metti in dubbio qualcosa che sembra disuguale, ti viene detto che non è disparità di genere, ma non possono dirti di cosa si tratta esattamente".

Nonostante le sue parole, JLaw ha la stessa fama di DiCaprio. E lo ripetiamo, lei ha vinto l'Oscar nel 2013 a soli 23 anni, lui nel 2016 a 42 anni, ma forse non conta, giusto?

Qui, ti raccontiamo tutto su Don't Look Up, che conta di un cast di supporto costellato di stelle con Meryl Streep, Jonah Hill, Cate Blanchett, Tyler Perry, Ariana Grande, Timothee Chalamet e molti altri.

ph. getty images