Billie Eilish ha spiegato perché si veste oversize – e c’entrano i ragazzi

"Non mi sono mai sentita desiderata"

In una nuova intervista con British GQ, Billie Eilish ha spiegato perché indossa sempre abiti estremamente larghi e genderless. Non è solo una questione di stile, la 18enne dei record vuole di proposito nascondere il suo corpo, non vuole mostrarlo in modo che nessuno lo possa giudicare. La mancanza di fiducia che ha nei riguardi della sua immagine deriva da deludenti esperienze sentimentali - siamo sicuri che tutti i ragazzi che le hanno spezzato il cuore in questo momento si stiano mangiando le mani...

"Ecco una bomba per voi: non mi sono mai sentita desiderata. I miei ex fidanzati non mi hanno mai fatto sentire desiderata. Nessuno di loro. Ed è una cosa grande della mia vita, sentire di non essere mai stata desiderata fisicamente da qualcuno", ha raccontato la cantante alla rivista

"Quindi mi vesto come mi vesto perché non mi piace pensare a voi ragazzi - intendo chiunque, tutti - che mi giudicate, o che mi prendete le misure. Ma ciò non significa che un giorno non mi sveglierò e deciderò di indossare una canottiera, cosa che ho già fatto prima", ha continuato Billie alla rivista e poi ha concluso:

 “A volte mi vesto come un ragazzo. A volte mi vesto come una ragazza spavalda. E a volte mi sento intrappolata da questa persona che ho creato, perché a volte penso che le persone non mi vedano come una donna".

Non è la prima volta che Billie parla apertamente di standard tossici di bellezza irreale e di stereotipi che offendono le giovani ragazze. Temi che le stanno molto a cuore, perché come abbiamo appena letto, li vive costantemente sulla sua pelle. Tanto che all'inizio di quest'anno, dopo aver condiviso un raro scatto in bikini, è stata vittima di slut shaming

Per spiegare quanto si sente intrappolata in questa dinamica, la cantautrice si è spogliata in un cortometraggio intitolato NOT MY RESPONSIBILITY. Billie si toglie i vestiti fino a rimanere in reggiseno. Ma la parte più importante è il monologo che accompagna le immagini del video, un chiaro potente messaggio contro la logica svilente dei body shamer e degli slut shamer. Qui, puoi vedere il video e leggere la traduzione.

ph. getty images