Tatuaggi tribali? Luigi Marchini è il tuo tatuatore, maestro dello stile polinesiano

Non c'è nulla di più anni 2000 di un tribale

Addio anni '90, la moda si ispira sempre di più ai favolosi 2000. Quando una tendenza esplode, o in questo caso ritorna in una nuova veste, ingloba tutto. Non solo pantaloni a zampa, ma anche french manicure, mollettine a scatto, draghi ricamati ovunque e tribali stampati in ogni dove. E proprio ai tribali volevamo arrivare, perché non c'è nulla di più anni 2000 proprio di un tatuaggio tribale. Sappiamo che ci stai pensando da un po' di tempo e allora vogliamo presentarti Luigi Marchini, tatuatore milanese, maestro del tattoo maori e polinesiano.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

#luigimarchini #luigimarchinitattoo #luigimarchinitattoos #luigimarchinimilano #hivetattooartgallery🐝❤️ #polynesiantattoo #polynesiantattoos #polynesiantribal

Un post condiviso da Luigi Marchini Tattoos (@luigimarchinitattoos) in data:

Classe 1972, Luigi Marchini è uno dei più importanti tatuatori d’Italia specialista in tattoo maori e arti polinesiane. Tra i tatuaggi tribali spiccano i disegni polinesiani, la cui storia e i cui signi cati simbolici sono strettamente legati alle origini e alle credenze del popolo.

Anni 2000 a parte, lo stile di Luigi Marchini non passa mai di moda anzi, costituisce un punto di riferimento costante al di là di ogni tendenza. D’altronde il tattoo polinesiano è il fondamento dell’arte del tatuaggio: la stessa parola deriva da ‘tatau’, proveniente dalla lingua polinesiana e legata ai suoni prodotti dallo strumento utilizzato nell’esecuzione dei tatuaggi.

Dove lo trovi? A Milano, nel suo studio Hive Tattoo Art Gallery.

ph. Ufficio stampa