Kendall Jenner: tutta la storia della sua acne e perché non usa i prodotti della sorella Kylie

"Una dermatologa non certificata"

Kendall Jenner è tornata a parlare della sua lotta contro l'acne in una nuova intervista con Bustle. La super modella ricorda che tutto è cominciato a 14 anni, il suo primo giorno di liceo, insomma, il modo peggiore per conoscere i nuovi compagni di classe. Al mattino, si è guardata allo specchio e ha trovato la fronte macchiata di milia, le piccole cisti bianche tutte ravvicinate, hai presente? Ecco, quel momento, racconta Kendall, fu l'inizio della sua battaglia contro l'acne.

"Prima potevo avere uno o due brufoli qua e là", ha detto alla rivista. "Ma mai così, tutta la fronte era coperta da una piccola milia, poi è cresciuta su tutta la mia faccia ed è arrivata l'acne brutta".

via GIPHY

A 16 anni, Kendall ha iniziato a tenere a bada l'acne usando la pillola contraccettiva, ma nel 2018 è venuta a sapere che non poteva più prenderla a causa di problemi di salute. Smesso il farmaco, ecco tornare i brufoli dopo 6 anni di pelle pulita e soprattutto raggiunta l'età di 23 anni:

"Ho avuto dei flashback del liceo... Ho vissuto l'acne in due momenti diversi della mia vita: uno è il liceo, quando tutto quello che stai cercando di fare è essere accettato e far parte di qualcosa, e io non riuscivo nemmeno a guardare le persone negli occhi. La seconda volta dovevo essere questa modella che ha tutto a posto, non era il mio caso, ma il mondo intero ti guarda, ed è come un lente d'ingrandimento su tutto ciò che fai e cosa ti succede."

via GIPHY

L'acne da adulti è un problema comune a molte donne e non è certo meno dolorosa o fastidiosa di quella adolescenziale:

"Come donne, i nostri ormoni cambiano ogni sei-sette anni e tutto cambia", ha spiegato Kendall. "[L'acne da adulti] non è meno dolorosa. Sai cosa intendo? Non è meno fastidiosa, anzi lo diventa ancor di più da grandi".

Per riuscire a far rientrare il problema, Kendall ha studiato molto e dice di considerarsi una "dermatologa non certificata". Ha creato per lei una routine personalizzata che comprende anche trattamenti laser e PRP, il famoso e spaventosissimo "Vampire Facials", per trattare le cicatrici.

via GIPHY

Proprio per questo non ha alcuna intenzione di cambiare, tanto che non vuole provare i nuovi prodotti per la cura della pelle appena lanciati da sua sorella Kylie, Kylie Skin.

"Sono bloccata nella mia routine. Non voglio fare troppo."

Infine, la parte migliore, la super modella è una di quelle persone che trae un sacco di soddisfazione da un pimple popping moment.

"Non mi piace mai davvero estrarre un grosso brufolo, a meno che non sia veramente necessario e stia per esplodere", ha raccontato. "Ma ho imparato come estrarre la piccola milia - ed è super soddisfacente."

ph. getty images