Yungblud live a Milano: sarà questa la scaletta del concerto al Carroponte?

Per arrivare preparati e cantare tutte le canzoni

Il countdown per il ritorno in Italia di Yungblud è entrato nel vivo! L'artista britannico si esibirà al Carroponte di Sesto San Giovanni, Milano, mercoledì 18 maggio.

Per farti arrivare preparato al concerto, siamo andati a dare un'occhiata alle scalette delle precedenti date del tour europeo.

Questa quella dello show del 13 maggio a Forest, in Belgio: chissà se rimarrà la stessa o se ci saranno dei piccoli cambiamenti?

1. strawberry lipstick
2. parents
3. superdeadfriends
4. The Funeral
5. I Love You, Will You Marry Me
6. Polygraph Eyes
7. weird!
8. mars
9. fleabag
10. Memories
11. cotton candy
12. Kill Somebody
13. I Think I'm OKAY (Machine Gun Kelly cover)
14. braindead!
15. Play Video
16. Machine Gun (F**k the NRA)

Nella setlist c'è anche "The Funeral", nuovo singolo di Yungblud accompagnato da un videoclip che vede la partecipazione di Ozzy e Sharon Osbourne.

A proposito della canzone, Yungblud ha raccontato:

"Negli ultimi 18 mesi ho trascorso molto tempo a lottare con il pensiero di chi voglio essere veramente. Onestamente, ultimamente mi sono sentito un po’ un ipocrita. Negli ultimi quattro anni ho detto alle persone di essere se stesse senza provare rimorsi, senza curarsi di ciò che gli altri pensano ed ho capito che era qualcosa che dovevo dire a me stesso. Ho sentito molta pressione, molta insicurezza e mi sono messo in discussione. Ma poi ho scritto questa canzone che ha riassunto cosa avrebbe riguardato questa prossima fase della mia vita, non solo della mia carriera. Nel testo sono letteralmente io che elenco tutte le mie insicurezze perché se ti identifichi con ciò che non ti piace di te stesso e lo fai tuo, nessuno può dire cose di te che tu non abbia già detto a te stesso. Diventi a prova di proiettile. Questa canzone parla di fare proprie queste insicurezze ed essere fottutamente coraggiosi. Parla di ego, morte, rinascita e di ballare sulla propria tomba invitando tutti ad unirsi a te. Ma se sei da solo e sei l’unico a ballare va bene lo stesso. Per questa nuova musica mi sono guardato allo specchio ed ho detto 'non ci sarai per sempre, come vuoi essere ricordato? E se domani venissi investito da un’auto e potessi cantare un’ultima canzone prima di diventare cibo per i vermi, sarebbe questa canzone? Sinceramente la risposta è si. Porterei questa canzone con me nella tomba'."

ph: ufficio stampa