Tommaso Paradiso e l’addio ai Thegiornalisti: il messaggio del cantante

Ecco cosa è successo

La notizia è arrivata la sera di martedì 17 settembre con un lungo messaggio scritto via Instagram Stories: Tommaso Paradiso ha annunciato il suo addio ai Thegiornalisti e l'arrivo di un nuovo brano solista.

La comunicazione è arrivata solo qualche giorno dopo il concerto del gruppo al Circo Massimo, svoltosi sabato 7 settembre. Ecco come il cantante ed (ex) frontman della band ha spiegato la sua scelta:

"Tra qualche giorno uscirà una nuova canzone. Non uscirà come Thegiornalisti, ma uscirà come Tommaso Paradiso. D'ora in poi tutto ciò che scriverò e canterò non sarà più Thegiornalisti ma Tommaso Paradiso. È giusto che sia così. È stata una fantastica avventura che ci ha portato fino al Circo Massimo. Ma sapete meglio di me o come me che le storie, nella maggior parte dei casi, non sono eterne. È inutile che vi stia a raccontare le dinamiche per le quali si è arrivati a questa conclusione."

Tommaso poi continua:

"Ho scritto e cantato ogni singola nota e ogni singola parola di tutto ciò che fino a oggi avete ascoltato. Continuerò a farlo, continuerò a farlo come Tommaso Paradiso. Sono stati, questi ultimi mesi, molto difficili. Sono stato in silenzio; volevo che il Circo Massimo fosse una grande festa e non un funerale. Ripeto, credo non sia nobile spiegarvi il come e il perché di tutto questo. Se un giorno sarò dagli eventi costretto a dare spiegazioni lo farò."

Per leggere l'intero messaggio scritto dal cantante clicca qui. 

thegiornalisti-circo-massimo-foto-scaletta-concerto-roma

I Thegiornalisti sono nati a Roma nel 2009 ed erano formati, oltre che da Tommaso Paradiso, anche da Marco Primavera e Marco Antonio Musella. All'attivo hanno 5 album in studio: "Vol. 1" (2011), "Vecchio" (2012), "Fuoricampo" (2014), "Completamente Sold Out" (2016) e "Love" (2018). 

Di seguito puoi ascoltare "Completamente", uno dei loro singoli di maggior successo. 

ph: immagine di copertina ufficio stampa + nel testo ufficio stampa, credito Roberto Panucci