Taylor Swift torna su Spotify, lo stesso giorno in cui Katy Perry rilascia “Witness”. OMG!

La faida continua e internet esplode

Probabilmente ti eri rassegnato al fatto che la musica di Taylor Swift non sarebbe "never ever ever getting back together" su Spotify. Nel 2014, Tay Tay aveva tolto le sue canzoni da tutte le piattaforme di streaming, una questione di royality non pagate o poco pagate. 

Ma, la cantante di "Bad Blood", in modo del tutto inaspettato, ha (ri)pubblicato tutta la sua discografia su tutti i principali servizi di streaming. La notizia è stata annunciata tramite un post Instagram da Taylor Nation, l'account ufficiale dei suoi fan, e Taylor ha confermato la notizia a Billboard.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In celebration of 1989 selling over 10 Million Albums Worldwide and the RIAA's 100 Million Song Certification announcement, Taylor wants to thank her fans by making her entire back catalog available to all streaming services tonight at midnight.

Un post condiviso da Taylor Nation (@taylornation) in data:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma ma ma... in molti hanno il sospetto che sia un nuovo attacco verso Katy Perry, l'ultima battaglia di una faida storica tra le due pop star.

Perché Taylor ha aspettato proprio il 9 giugno, il giorno dell'uscita di "Witness", il nuovo album di Katy Perry?

Taylor l'avrebbe fatto per togliere ascolti e downloads a Katy il giorno del rilascio del suo nuovo lavoro discografico? In altre parole per metterla in ombra?

Per esempio, Lily Alllen ha definito Taylor Swift "meschina":

Anche altri fan in tutto il mondo pensano che Taylor questa volta abbia esagerato con il "Bad Blood":

OK, abbassiamo i toni e riflettiamo un'attimo su questa faccenda. Tu cosa ne pensi? Vogliamo sapere la tua opinione:

 

Scopri tutte le star con cui Taylor Swift ha litigato:

mgid-arc-content-mtv-5

PH: Getty Images