Super Bowl: Pink ha cantato l’inno americano anche con il mal di gola

Prima della performance la si vede gettare via una caramella per il mal di gola

Anche in occasione della 52esima edizione del Super Bowl, Pink ci ha regalato una performance da brividi.

La cantante di "What About Us" ha cantato l'inno nazionale americano in apertura della partita tra i Philadelphia Eagles e i New England Patriots (vinta dai primi), svoltasi allo US Stadium di Minneapolis (Minnesota) domenica 4 febbraio .

Pink, con la sua grande voce, ha regalato al pubblico una performance incredibile (anche se con qualche imperfezione) nonostante sia influenzata.

Già, perché qualche giorno prima di questa attesissima esibizione, la pop star non si sentiva per niente bene per colpa di un brutto mal di gola. 

 

Trying to practice the flu away. I’ve been waiting to sing this song since 1991 when I saw my idol, Whitney Houston, own this song. And now, my chance has finally come. And it just so happens that this chance comes when I have two small Petri dish kids who literally cough INTO MY MOUTH and rub their snot on my cheek. You can’t write this stuff I swear! And here we are. I’ve arrived at another one of my dreams which is slowly becoming a sort of nightmare. I will tell you, this is one of the biggest honors of my life, singing this song in front of my family, my military family, my dad and brother and step mama and family and the world. And the EAGLES!?!?! I promise I will do my best, as I always do. As far as the gremlins that got me into this mess, you can cough at me for the rest of your lives. If it’s a contest, babies, you win. #spreadthelove #spreadthegerms #pleasegivememyvoiceback #ificansingimgonnakillit

Un post condiviso da P!NK (@pink) in data:

In effetti, se ci hai fatto caso, all'inizio del video della sua esibizione Pink getta via una caramella per il mal di gola. 

Solo una grande artista come lei poteva riuscire a cantare l'inno americano anche con la gola in fiamme! 

Potrebbero interessarti anche:

Super Bowl 2018: guarda l'intera performance di Justin Timberlake

ph: ufficio stampa Sony Music