Mahmood e Blanco a Sanremo 2022: dal testo di “Brividi” alla cover, tutto quello che vuoi sapere

Un ripasso sulla storia dei due cantanti e della loro avventura a Sanremo

Un ritorno e un debutto: Mahmood e Blanco gareggiano insieme al Festival di Sanremo 2022, che si tiene dall'1 al 5 febbraio, con la canzone "Brividi".

Alessandro Mahmoud ha 29 anni e sul palco dell'Ariston ci è già stato vincendo nel 2019 con "Soldi", brano con cui poi è arrivato secondo all'Eurovision dello stesso anno e ha trionfato agli MTV EMA come miglior artista italiano.

Ma la sua storia con Sanremo va molto più indietro: tra le Nuove Proposte nel 2016 con la canzone "Dimentica" arrivato quarto. Due anni dopo, è stato uno dei due vincitori di Sanremo Giovani (il regolamento prevedeva due vincitori, l'altro è stato Einar) con "Gioventù Bruciata", guadagnando anche il premio della critica Mia Martini.

Mahmood ha anche firmato alcuni pezzi che hanno gareggiato a Sanremo: "Andromeda" di Elodie, "Chiamami per Nome" di Francesca Michielin e Fedez e, sotto lo pseudonimo collettivo Tattroli, di "Glicine" di Noemi. È tra gli autori di "Ti Amo Non lo so Dire" di Noemi in gara quest'anno. 

Blanco ha 18 anni ed è alla sua prima volta a Sanremo. Il suo vero nome è Riccardo Fabbriconi ed è cresciuto nella provincia di Brescia. Come ha scelto il suo nome d'arte? Glielo ha consigliato un amico, un po' per gioco, mentre registrava il primo brano in uno studio casalingo. 

La Universal Music lo ha notato grazie il primo EP "Quarantine Paranoid" pubblicato su SoundCloud nel 2020 e gli ha offerto il suo primo contratto. Così è nato il disco in studio "Blu Celeste", che ha esordito direttamente al numero uno della classifica italiana. Contiene hit come "Notti in Bianco", "Finché non mi Seppelliscono", "Ladro di Fiori".

"Brividi" è invece il titolo della canzone che Mahmood e Blanco portano al Festival di Sanremo 2022 ed è stata scritta dagli stessi due artisti insieme a Michelangelo, pseudonimo di Michele Zocca, ovvero il produttore di Blanco. Nella serata cover di venerdì 4 febbraio, cantano "Il Cielo in una Stanza" di Gino Paoli. 

Di seguito trovi il testo di "Brividi":

Ho sognato di volare con te
Su una bici di diamanti
Mi hai detto sei cambiato,
Non vedo più la luce nei tuoi occhi
La tua paura cos’è?
Un mare dove non tocchi mai
Anche se il sesso non è
La via di fuga dal fondo
Dai non scappare da qui
Non lasciarmi così
Nudo con i brividi
A volte non so esprimermi
E ti vorrei amare, ma sbaglio sempre
E ti vorrei rubare un cielo di perle
E pagherei per andar via,
Accetterei anche una bugia
E ti vorrei amare ma sbaglio sempre
E mi vengono i brividi, brividi, brividi
Tu, che mi svegli il mattino
Tu, che sporchi il letto di vino
Tu, che mi mordi la pelle
Con i tuoi occhi da vipera
E tu, sei il contrario di un angelo
E tu, sei come un pugile all’angolo
E tu scappi da qui, mi lasci così.
Nudo con i brividi
A volte non so esprimermi
E ti vorrei amare, ma sbaglio sempre
E ti vorrei rubare un cielo di perle
E pagherei per andar via,
Accetterei anche una bugia
E ti vorrei amare ma sbaglio sempre
E mi vengono i brividi, brividi, brividi
Dimmi che non ho ragione
Vivo dentro una prigione
Provo a restarti vicino
Ma scusa se poi mando tutto a puttane
Non so dirti ciò che provo, è un mio limite
Per un ti amo ho mischiato droghe e lacrime
Questo veleno che ci sputiamo ogni giorno
Io non lo voglio più addosso
Lo vedi, sono qui,
Su una bici di diamanti, uno fra tanti.
Nudo con i brividi
A volte non so esprimermi
E ti vorrei amare, ma sbaglio sempre
E ti vorrei rubare un cielo di perle
E pagherei per andar via,
Accetterei anche una bugia
E ti vorrei amare, ma sbaglio sempre
E mi vengono i brividi, brividi, brividi

ph: getty images, ufficio stampa