Giusy Ferreri: dopo Sanremo arriva il nuovo album “Cortometraggi”

Sarà composto da “tanti piccoli film”

Giusy Ferreri si prepara per un anno da grande protagonista. Presto la vedremo in gara al Festival di Sanremo 2022 con il brano “Miele”, e subito dopo è in arrivo il suo nuovo album di inediti, intitolato “Cortometraggi”.

È stata appena svelata la data d'uscita e non ci sarà molto da attendere per ascoltarlo. “Cortometraggi” arriva il prossimo 18 febbraio e al suo interno conterrà il singolo rockeggiante attualmente in radio, “Gli Oasis di una volta”, e naturalmente anche il pezzo sanremese, “Miele”, che siamo molto curiosi di sentire live sul palco dell'Ariston.

“Cortometraggi” è disponibile da oggi in pre-save e pre-add qui. Per l'artista lanciata da X Factor è il sesto album in studio e arriva a 5 anni di distanza dal precedente “Girotondo”. Cosa dobbiamo attenderci da questo suo nuovo lavoro?

A regalarci qualche piccolo spoiler è la stessa Giusy Ferreri: “Il titolo 'Cortometraggi' nasce dai miei live. Durante i concerti amo definire alcuni brani che ho scritto come dei cortometraggi musicali e questo album racchiude come la narrazione di tanti piccoli film che esprimono concetti, situazioni e stati d’animo di vario genere. Ogni cortometraggio è un piccolo viaggio che ogni volta ha sapori e atmosfere differenti, colori, stili, generi e intensità diverse. È bello pensare che ogni individuo viva ogni giorno una sorprendente quotidianità che spesso varia e a volte si ripresenta ciclicamente”.

Nella serata di venerdì 4 febbraio, quella delle cover, la Ferreri accompagnata sul palco da Andy dei Bluvertigo interpreterà “Io vivrò (Senza te)”, celebre brano del 1969 di Lucio Battisti.

Al riguardo Giusy ha dichiarato: “'Io vivrò (Senza te)' di Battisti Mogol è un capolavoro. È un brano molto intenso, che ho scelto di cantare appunto perché ritengo sia tra i brani più belli ed espressivi del repertorio della musica italiana. Ho da subito immaginato la presenza di Andy dei Bluvertigo per fondere contemporaneamente la magica atmosfera dei synth e aggiungere un viaggio nel tempo. Andy è un artista e polistrumentista completo, la sua presenza darà un tocco affascinante grazie alla sua consapevolezza e al gusto che lo contraddistingue. Ci lega una forte amicizia e stima reciproca, abbiamo avuto già occasione di condividere il palco insieme. Sarà bellissimo condividere anche quello del Teatro Ariston”.

ph: getty images, Columbia/Sony Music