Sanremo 2021: Ermal Meta spiega il significato di “Un milione di cose da dirti”, una canzone d’amore verticale

Un racconto personale ma al tempo stesso universale

Ermal Meta è tra i 26 campioni in gara al Festival di Sanremo 2021 con il brano "Un milione di cose da dirti".

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Ermal Meta (@ermalmetamusic)

Qualche giorno prima della sua partenza per la città dei fiori, il cantautore ha tenuto una conferenza stampa via Zoom per raccontare qualcosa di più sull'inedito sanremese e sul suo nuovo album "Tribù Urbana", in arrivo il 12 marzo.

In questa occasione, Ermal ha raccontato qualcosa in più su "Un milione di cose da dirti".

"'Un milione di cose da dirti' nasce circa 3 anni fa, quando stavo attraversando un periodo particolare - spiega l'artista -  Era da poco iniziata la mia carriera da solista e la mia vita era piena di scosse di assestamento. Avevo un blocco emotivo interiore e l'unica cosa che potevo fare era scrivere una canzone per potermene liberare, perché avrei voluto dire un sacco di cose in quel momento. (...) Mi sono messo in gioco parlando con qualcuno che in quel momento lì non c'era."

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Ermal Meta (@ermalmetamusic)

Ermal l'ha scritta in 10 minuti, in maniera istantanea:

"È canzone d'amore verticale, come se fosse una semiretta che parte e non sai dove va a finire. È una canzone che voglio lasciare aperta. Un brano d'amore che per me ha la gioia della consapevolezza di aver avuto qualcosa di importante, dell'essere felici per quello che si ha avuto piuttosto che essere tristi per quello che non si ha avuto". 

Potrebbe interessarti anche:

Sanremo 2021: ecco tutti i duetti e le cover della terza serata del Festival

ph ufficio stampa, credito Emilio Timi