I BTS in una nuova intervista raccontano come scrivono le loro canzoni e del successo negli USA

E anche un sacco di altre cose!

Il 13 aprile, il giorno dopo l'uscita del loro nuovo disco "Map of the Soul: Persona", i BTS faranno il loro debutto ufficiale negli USA, il gruppo K-POP sarà per la prima volta l'ospite musicale al Saturday Night Live, uno dei programmi statunitensi più famosi del Paese. Insomma, i ragazzi alla conquista dell'America!

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

@bts.bighitofficial opens up about their individual taste in music and crossing over in America in the latest issue of @entertainmentweekly. #BTS #EntertainmentWeekly Photo: Peter Yang

Un post condiviso da Just Jared (@justjared) in data:

L'attenzione sulla band sudcoreana è altissima in America, tanto che Entertainment Weekly li ha scelti come star della cover del nuovo numero della rivista. Nell'intervista di copertina i BTS raccontano un sacco di cose e abbiamo selezionato alcune parti, che siamo sicuri ti faranno emozionare: 

RM, sulle loro influenze musicali: "Con sette membri abbiamo sette gusti diversi, ovviamente. Quindi, quando si tratta di scrivere canzoni, è come una grande competizione. "

J-Hope, su come scrivono le canzoni: "Scriviamo un pezzo e poi decidiamo in questo modo: 'questa canzone riflette di più chi sono e i miei colori', quindi decidiamo di tenerla come una canzone solista".

RM, sull'esser arrivati in America: "Sai, il pop latino ha i suoi Grammy in America, ed è molto diverso. Non voglio fare paragoni, ma penso che sia molto più difficile come gruppo asiatico. Un singolo nella Hot 100 e un Grammy, questi sono i nostri obiettivi. Ma sono solo obiettivi: non vogliamo cambiare la nostra identità o la nostra genuinità per arrivare al numero uno. Ad esempio, se cantiamo improvvisamente in inglese e cambiamo tante altre cose, allora non siamo più i BTS. "

ph. getty images