Blastema – I Morti

È uscito il nuovo video dei Blastema, "I Morti", che anticipa l’uscita del prossimo album prevista per gennaio 2015

Fermi tutti. È uscito il nuovo video dei Blastema, "I Morti", che anticipa l’uscita del prossimo album prevista per gennaio 2015. La band romagnola - vecchia conoscenza di MTV New Generation - è in piena attività ed è appena partita per un tour che la porterà ad esibirsi fino a dicembre in numerosi palchi italiani.

Il video de "I Morti" è stato realizzato da Eloise Nania e Francesco Tesei. Il cantante della band Matteo Casadei ci spiega così il nuovo lavoro: 

"Girare questo video è stato piuttosto semplice: niente indicazioni, niente canovacci, niente sovrastrutture significative, solo noi, il brano e l'interpretazione spontanea dettata dall'ascolto. Volevamo ritrovarci al di là del ruolo, al di là dell'interpretazione, oltre la rappresentazione: volevamo semplicemente essere i vivi.”

Ma insomma, basta con le chiacchiere e guardiamoci subito il risultato!

Ed ecco il messaggio della band:

"Cara New Generation,
non sappiamo chi tu sia, chi in te si nasconda né cosa ci riserverai.
Sappiamo che di te, New Generation, non possiamo fare a meno, perché in te sono riposte le speranze della prossima New Generation.
Potrebbe a prima svista sembrare che i Morti sia un brano distante, impalpabile come la metafisica del trapasso; non è così.
La morte è con noi, ci tampina, ci guata. La morte è materia di tutti i giorni.
Siamo noi a far finta di niente: sempre più curati, sempre più longevi, sempre più svuotati, volontariamente distratti.
E intanto la morte si prende tutto.
Si é presa la musica mascherandosi da industria discografica, dettando tempi, contenuti, modalità di rappresentazione, uccidendo il divertimento, la meraviglia e l'ispirazione che sono obbligatorie quando si crea e quando si gioca.
Si è presa lo slancio e il coraggio della giovinezza, creando bambini dall'interminabile decorso, che non sfociano mai nell'età adulta e che d'improvviso si ritrovano vecchi e perseguitati dal rimpianto di non aver fatto abbastanza.
Si è presa la nostra immaginazione, il coraggio delle intuizioni,  la verità dei sentimenti e la gioia semplice e spudorata di considerare la vita nient'altro che una straordinaria avventura.
In questo senso la morte ci ha colti. Trovandoci vivi.
Cara New Generation, anche se non sappiamo chi tu sia, né chi in te si nasconda, ugualmente affidiamo quell'ultimo briciolo di umanità che ancora ci accende alla convinzione che in te si annidi il focolaio di un bene mai sedato, germe universale dell'esistenza, eterno trasformasi della stessa sostanza in  infiniti differenti."

Blastema