ANTEPRIMA VIDEO: vi presentiamo gli SMILE

Indie-rock con venature post-punk che sembra arrivare da lontano ma che racconta la nostra realtà

Lunedì 29 marzo 2021. Ritorna la vetrina web Just Discovered di MTV New Generation e ti porta alla scoperta dell’Artista della Settimana con un video in anteprima assoluta.

Loro sono gli "SMILE" 

Genere musicale: Indie-rock, post-punk, jangle-pop

Video: "Broken Kid"

Regista: Luca Vigliani 

 

ESCLUSIVA: ANTEPRIMA VIDEO 

Tra Jim Jarmusch e Derek Jarman, “Broken Kid” racconta per immagini l’estetica degli Smile e il viaggio di una persona alienata e spaventata da una realtà quanto mai incerta e nervosa, che vive  in una sorta di sdoppiamento, nella paura e nella tensione che questi tempi incerti stanno infilando a forza nel corpo di tutti noi. 

Il video è diretto da Luca Vigliani (già regista del video di “Every New Mistake”), “Broken Kid” vede Michele Sarda, cantante della band, camminare per le strade di una Torino presenza/assenza fantasma. Gli spettri della città industriale, le architetture abbandonate o eternamente non finite, sono eco fortissima di una città che ha rinunciato, di una generazione appesa e incerta tra lavori precari e malpagati e sentimenti che stringono lo stomaco, e che spesso non riescono nemmeno ad esprimersi. “Broken Kid” racconta il lato più inquieto della nevrosi nascosta in una melodia scintillante. Il video suona per immagini che creano spazio, le sensazioni si sedimentano e viaggiano.

Location: Torino

Cimitero monumentale; via Catania; via Perugia; Lungodora Siena; ex-Mercato dei fiori; corso Verona e nel finale l'ecomostro nei pressi di Torre San Giorgio, sulla strada da Torino a Saluzzo

  

Facebook: www.facebook.com/thenameofthisbandissmile

Instagram: www.instagram.com/thenameofthisbandissmile/

The Name Of This Band Is Smile”, l’album di debutto degli Smile, è stato
pubblicato il 26 marzo 2021 (Subjangle / Dotto)

La musica degli Smile (Michele Sarda alla voce, Hamilton Santià alla chitarra, Francesco Musso alla
batteria e Mariano Zaffarano al basso) è permeata da uno strato di alienazione e straniamento: un indie
rock con accenni jangle e post punk che racconta un disagio tanto personale quanto collettivo di una società
sospesa senza apparente via d’uscita. Con un sound che ricorda R.E.M. e The Smiths, gli Smile creano musica al tempo stesso melodica ed esplosiva per raccontare un quotidiano fatto di burocrazia, incapacità di azione, bollette da pagare e precarietà in ogni futuro immaginabile.