L’esordio di Leo Badiali

E' un ragazzo promettente!

Leonardo (Leo) Badiali, classe 2001, nasce a Massa e cresce a Querceta, cittadina della Versilia dove vive tutt'ora. Si accosta alla musica sin dall'infanzia, grazie al padre Mario, cantautore, e al fratello maggiore Pierfrancesco, che gli trasmette la passione per le percussioni.

Alle scuole elementari Leo intraprende lo studio della batteria, dimostrando presto il suo talento dietro alle pelli, tanto che nel 2012 collabora con Roberto Vecchioni come percussionista per il progetto AmatAfrica, associazione nata per aiutare i bambini del Ruanda. Dopo la scuola media si iscrive al Liceo Musicale Felice Palma di Massa, dove perfeziona anche lo studio della chitarra e del pianoforte. Nel 2015, inoltre, inizia un percorso didattico da privatista con Guido e Dario Carli, professionisti di caratura internazionale.

A partire dal 2016 Leo milita in diverse formazioni, spaziando tra il rock, il funk, il jazz, la fusion e il pop, e nel 2018 partecipa allo show televisivo Italia's Got Talent con il gruppo rock The M. Nello stesso anno diventa primo batterista della Silent King Big Band, l'orchestra jazz della Regione Toscana, diretta da Alberto Solari. Nel 2019 inizia un percorso di perfezionamento in batteria con David Lo Cascio e nell'estate dello stesso anno, grazie al Festival Umbria Jazz, ottiene la borsa di Studio 2021 per l'Accademia Berklee di Boston. Si aggiudica inoltre il primo posto al Contest Festival delle Apuane per la migliore interpretazione canora di un brano inedito. All'inizio del 2020, Leo Badiali decide di dedicarsi all'attività di compositore e paroliere e a settembre 2020 esordisce come cantautore con "È successo ancora", il suo primo brano inedito, prodotto da Marco Barusso e Guido Carli.