E’ ora di parlare di Marta Tenaglia

Un'artista molto interessante, stile e musicalità originali, enormi potenziali

Marta Tenaglia è una cantautrice milanese del roster Costello's Records e rappresenta una rarità nel panorama musicale odierno.

Con la sua voce sussurrata, un'emotività disarmante e una fragilità che sa diventare dirompente, con i primi due singoli pubblicati è già riuscita a creare un posizionamento di rilievo nel circuito musicale indipendente italiano.

Canzoni come  "Bonsai"  e  "Ventilatore" sono state notate e programmate dai più importanti distributori musicali italiani, definendo spesso la cantante come una proposta fresca e particolarmente ispirata. Nelle sue canzoni spiccano beat vocali morbidi e testi veri, lucidi "come specchi". Prima di uscire allo scoperto la sua voce fa spesso il giro largo partendo dalle sfumature e dai dettagli minimali, sia vocali che strumentali, si prende un suo tempo per agire, a volte scende in basso per poi risalire a cercare di toccare le corde dove l'ascoltare non si aspettava più di essere colto. La sua "Alda Merini Centravanti" è un limpido esempio delle capacità e delle caratteristiche dell'artista. In un pezzo multiforme come questo,  trova una sua personale linea vocale espressiva in una produzione elettronica dal ritmo sbilenco e spezzato, particolarmente interessante.