alt text

10 cose che abbiamo imparato grazie alle prime due serate di Sanremo 2015!

Anche la seconda serata di questo Sanremo 2015 è andata. Fra canzoni, superospiti e simpatici siparietti abbiamo avuto conferma che il nazionalpopolare è più vivo che mai!
Anche la seconda serata di questo Sanremo 2015 è andata. Fra canzoni, superospiti e simpatici siparietti abbiamo avuto conferma che il nazionalpopolare è più vivo che mai! Abbiamo ascoltato le canzoni di tutti e 20 i Big in gara, ma si sa: il Festival della canzone italiana non si regge solo sulla musica. Noi, che siamo personcine propositive, abbiamo deciso di stilare una classifica semiseria delle 10 cose che abbiamo imparato dalle prime due serate del Festival. Eccole:

1) Squadra che vince non si cambia!

Diciamo che il pregio più grande dell'edizione di quest'anno non è il rinnovamento, ecco.

2) I superospiti non devono essere necessariamente stranieri

Ad esempio, l'esibizione di Tiziano Ferro è stata da urlo e il pubblico ha gradito moltissimo. No?

3) Cambiare? Si può!

I Soliti Idioti hanno deposto le maschere e si sono presentati sul palco solo come Biggio e Mandelli. Insomma, chi l'avrebbe mai detto? Nella vita può succedere di tutto!

4) Impossibile calcolare tutto

Dai, chi si sarebbe mai aspettato che uno dei momenti più seguiti e commentati del Festival sarebbe stato quello con protagonista una famiglia con 16 figli?

5) Meglio deporre l'ascia di guerra

Al Bano e Romina sono la dimostrazione vivente che andare d'accordo è decisamente la scelta migliore! (Noi stiamo ancora sognando per il "tutto ok, tutto ok?" rappato di Romina).

6) Si può essere piene di grazia sia con gli occhioni di Charlize Theron che con la barba di Conchita Wurst

Eh già!

7) Sanremo non è il palco ideale per i comici

Dai, ammettiamolo: quello dell'Ariston è un palco difficile per chi vuole strappare qualche risata. A prescindere dalla bravura dei comici.

8) La musica italiana è viva

Fra canzoni belle e altre meno belle, una cosa è certa: fra qualche giorno ci ritroveremo a canticchiare i motivetti più accattivanti, anche senza volerlo.

9) Lavoro duro e ironia pagano sempre

Insomma, hai visto Emma e Arisa? Armate di coraggio, buona volontà e tanta autoironia si sono conquistate la corona di reginette dell'Ariston. E brave!

10) Commentare le canzoni e spettegolare sugli ospiti... non ha prezzo!

La parte più divertente del festival è commentare, commentare e ancora commentare con gli amici!