Tutto quello che devi sapere da sapere sui Fridays for Future

Da Greta Thunberg che ha lanciato l'iniziativa a cosa puoi fare tu

Sicuramente hai sentito parlare dei Fridays for Future: ma da dove nasce questo movimento e perché è diventato così importante? Oggi 22 aprile è la giornata della Terra: l'occasione giusta per saperne di più!

Cosa sono i Fridays for Future

I Fridays for Future sono un movimento internazionale partito dagli studenti, che hanno deciso di saltare le lezioni per prendere parte a dimostrazioni in cui domandare azioni concrete per prevenire i cambiamenti climatici. In particolare è stato scelto il giorno di venerdì, per questo il nome Fridays for Future.

Come sono iniziati i Fridays for Future

Embed from Getty Images

Nell'agosto del 2018, la 16enne Greta Thunberg ha iniziato a chiedere un serio impegno sul tema dell'ambiente, passando le giornate fuori dal parlamento svedese e sventolando un cartello che recitava Skolstrejk för klimatet, ovvero "sciopero scolastico per il clima".

Quando la scuola è ricominciata, per poter continuare a seguire le lezioni, Greta ha deciso di mantenere l'impegno ma limitandolo solo alla giornata di venerdì e coniando il nome di Fridays For Future. Il suo messaggio, semplice e sincero, ha subito ottenuto l'approvazione e l'emulazione di coetanei e non solo in tutto il mondo, che hanno iniziato a protestare come lei per chiedere un impegno concreto per la salvaguardia della Terra.

Greta oggi è nominata per al Nobel per la Pace.

I Fridays for Future nel mondo

Embed from Getty Images

Ispirati da Greta Thunberg, gli scioperi scolastici sono stati organizzati in tutto il mondo a partire dal novembre del 2018.

In Australia, migliaia di studenti hanno ignorato il monito del primo ministro Scott Morrison, che chiedeva "più apprendimento e meno attivismo", scendendo in massa per le strade. In Polonia, dove lo scorso anno si è tenuta la conferenza per il clima delle Nazioni Unite, ci sono stati scioperi in ben 270 città.

Anche Austria, Belgio, Canada, Olanda, Germania, Finlandia, Giappone, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti sono stati protagonisti di manifestazioni studentesche in cui si richiamava l'attenzione dei leader verso il clima.

Nel 2019, i Fridays for Future sono diventati sempre più grandi, coinvolgendo anche i Paesi dell'America Latina e alcune nazioni africane. Nel frattempo, scienziati e accademici hanno iniziato a dare pubblicamente il loro appoggio agli studenti.

I Fridays for Future in Italia

Embed from Getty Images

Il 15 marzo 2019, i ragazzi di duemila città nel mondo hanno partecipato alla manifestazione per chiedere agli adulti di prendersi le proprie responsabilità e fermare il cambiamento climatico.

Oltre 30mila persone sono scese in piazza a Roma e 10mila a Milano, per un totale di 200mila in tutto lo Stivale. Un momento importantissimo in cui i ragazzi hanno fatto sentire il potere delle loro voci, smascherando chi parla di clima e ambiente ma poi non fa nulla di concreto per salvaguardarli.

Cosa puoi fare tu

Puoi seguire Greta Thunberg su Instagram, per lasciarti ispirare dalle sue parole e dai suoi gesti. E poi puoi essere più verde ogni giorno: sono le tue piccole azioni quotidiane che possono davvero cambiare la situazione. Vai qui per 7 modi in cui puoi aiutare la Terra!

ph: getty images