Rihanna ha tenuto un potente discorso sull’uguaglianza: “Insieme possiamo aggiustare questo mondo”

Ci inchiniamo davanti a queen RiRi

Rihanna è stata onorata con il President's Award, che viene assegnato ogni anno dalla NAACP (National Association for the Advancement of Colored People) a chi si è particolarmente distinto per il suo impegno per i diritti umani e di pubblico servizio.

La cantante lo ha ritirato durante un evento tenuto a Pasadena, in California, e il suo discorso è stato da incorniciare.

Innanzitutto, pur essendo una superstar abituata a vivere sotto i riflettori, ha voluto distogliere l'attenzione da se stessa: "Questa serata non è per me, perché il significato è più grande di me. Non è più grande di noi tutti insieme, ma è più grande di me perché quello che faccio è solo una piccola parte di tutto il lavoro fatto in questo mondo e del lavoro che resta ancora da fare".

Ha quindi spiegato di essere stata "fortunata ad aprire la Clara Lionel Foundation" nel 2012, un'organizzazione intitolata a sua nonna che aiuta a raccogliere fondi per l'educazione globale e per affrontare emergenze.

E ha continuato con un potente messaggio sul fatto che focalizzarsi sulle differenze non fa altro che creare più divisione, mentre i problemi di una persona sono problemi di tutti.

"Se c'è qualcosa che ho imparato, è che insieme possiamo aggiustare questo mondo. Non possiamo farlo divisi. Non potrei enfatizzare abbastanza questa cosa. Non possiamo lasciare che l'insensibilità penetri, tipo 'Se è un tuo problema allora non è mio', 'È un problema delle donne', 'È un problema delle persone di colore', 'È un problema delle persone povere'".

"Quanti di noi hanno colleghi, partner, amici di altre razze, sesso, religioni? Vogliono spezzare il pane con te? Sono come te? Ebbene, quindi è un problema di tutti. Quando starai marciando e protestando, dì ai tuoi amici di sostenerti".

Puoi sentire queste parole direttamente dalla voce di Rihanna:

Grazie di esistere, RiRi!

ph: getty images