Maturità 2020: i pensieri che tutti gli studenti di quinta superiore stanno facendo aspettando questo inedito Esame di Stato

"Maturità light dove?"

Se sei in quinta superiore, l'8 giugno non è stato il tuo ultimo giorno di scuola (a distanza), ma c'è un'altra data che hai ben in mente: è il 17 giugno, giorno in cui inizia la Maturità 2020.

Come te, altri quasi 500mila ragazzi e ragazze affronteranno l'Esame di Stato quest'anno: una tappa di vita che hai sognato tante volte di raggiungere durante il tuo percorso scolastico. Sicuramente però non l'avevi immaginata così come si è trasformata a causa delle restrizioni per l'emergenza sanitaria Covid-19: un unico maxi esame orale.

Non potevi certo neanche immaginare di arrivare alla Maturità senza mega sessioni di studio di gruppo ma al massimo ci si vede su Zoom, perché gli assembramenti ancora non sono concessi. E così anche i saluti e la festa di dovere sono rimandati, sono più in sordina oppure sono virtuali.

 

Insomma, nel momento in cui stai per aprire il capitolo della tua vita da adulto indipendente, ti sei ritrovato relegato nella tua cameretta e hai visto la tua quotidianità cambiare dall'oggi al domani, facendoti sembrare di andare indietro invece che avanti e spazzando via le certezze verso il futuro.

È più che normale se in questi giorni ti senti ansioso, insicuro, persino arrabbiato e sono sentimenti che condividi con gli altri maturandi. Ti può dare conforto sapere che tutti gli studenti di quinta superiore in Italia stanno attraversando la stessa situazione. Siete davanti al momento scolastico più impegnativo, in un momento tanto difficile per il mondo. Siete insieme, seppure a distanza.

Il senso di cameratismo è qualcosa che ti può aiutare a sentirti meno solo davanti a un ostacolo che sembra gigantesco ma che, lo promettiamo, una volta superato finirà comunque nel cassetto dei tuoi ricordi più belli.

Abbiamo raccolto - tra tweet e altro che riportiamo di seguito - le reazioni e i pensieri che stanno passando nella mente dei maturandi come te.

Ti riconoscerai in queste frasi, che a prima occhiata possono sembrare pessimiste, ma che in realtà ti fanno sentire parte di un gruppo forte e unito verso lo stesso obbiettivo e che puoi usare come motivazione per spronarti a dare il massimo. Sono i momenti più duri che tirano fuori il meglio di noi.

- Non riesco a capacitarmi che non vedrò più la mia classe per intero, tutta insieme

- Mi sembra di aver perso tre mesi di scuola e i tre mesi più importanti: gli ultimi che avrei potuto passare con i miei compagni

- Seguire le lezioni in didattica a distanza non è stata la stessa cosa e ora mi sento impreparato a quello che mi aspetta

- Da solo davanti ai prof schierati a due metri di distanza, mi sento come il condannato davanti al plotone d'esecuzione

- Non ce la farò a ripassare tutto per il maxi orale e sento che dovrò tralasciare qualche materia

- A chi potrò bisbigliare per chiedere un aiutino, se non ci sono prove scritte?

- L'idea di non potermi godere il meritato abbraccio dei miei compagni quando tutto sarà finito, mi fa sentire giù

- Già non ero sicuro di quel che avrei voluto fare dopo le superiori, figuriamoci in questa situazione

- Addio accessorio numero uno della prima prova: l'iconico dizionario sotto braccio / Di light questa Maturità ha solo il fatto che non ci dovremo caricare il dizionario sulle spalle

- Tutti quelli che mi dicono "ci siamo passati tutti": no, non ci siete passati così

Ora è il momento di tornare a studiare: sii orgoglioso di te stesso perché ce la stai mettendo tutta e stai contribuendo a scrivere un pezzo di storia, affrontando con coraggio questa tappa di vita e allo stesso tempo vivendo, con il resto del mondo, un periodo complicatissimo. Facciamo il tifo per te!

ph: getty images