Billie Eilish ha spiegato come il suo world tour 2020 sarà amico dell’ambiente

"Il più green possibile"

Le tematiche ambientaliste stanno molto a cuore a Billie Eilish (così come dovrebbe essere per tutti).

Un mesetto fa, aveva raccontato al LA Times quanto la situazione del pianeta Terra la preoccupi: "Stiamo per morire se non facciamo un cambiamento".

Nel suo video "All The Good Girls Go To Hell" ha mandato un messaggio di ecologista raffigurando il mondo come un inferno coperto di petrolio. E lo ha ribadito anche nella maglietta indossata agli scorsi American Music Awards, su cui si leggeva la scritta: "Niente musica su un pianeta morto".

Le sue non sono solo parole: ospite del salotto di Jimmy Fallon, Billie Eilish ha spiegato come il suo Where Do We Go? World Tour sarà eco-friendly.

"Stiamo cercando di renderlo il più green possibile" e, per farlo, ha raccontato che sta lavorando con Reverb, un'associazione no profit che aiuta i musicisti e gli organizzatori di eventi a rispettare la natura. 

"Ad esempio non saranno permesse le cannucce di plastica - ha anticipato - I fan porteranno le proprie bottigliette d'acqua e ci saranno cestini per riciclare le lattine ovunque. Perché non importa se qualcosa è riciclabile se non ci sono i cestini dove buttarla". 

Il World Tour di Billie Eilish partirà il prossimo 9 marzo da Miami e la porterà anche in Italia a luglio 2020: il fatto che sarà a tutto green è un motivo in più per non mancare!

ph: getty images