Taylor Swift parla di bullismo online: il riferimento è tutto per Kim Kardashian durante il primo concerto del tour

"Mi ha chiamato serpente"

Nelle scorse ore, è finalmente finita la lite durata quattro anni e passa, tra Taylor Swift e Katy Perry, dopo che la cantante di "Witness" ha fatto un gesto di pace nei confronti della collega.

Ma continua invece a scorrere del "Bad Blood" tra Kim Kardashian e Tay Tay, cosa che l'artista ha rimarcato durante la prima data del Reputation Stadium Tour (guarda la scaletta!)

"Un paio di anni fa, qualcuno mi ha chiamato serpente sui social e la cosa ha preso piede" ha iniziato a spiegare Taylor Swift.

"E ho passato un periodo veramente giù per quel motivo. Non sapevo neanche se sarei tornata a fare questo (cantare) e immagino che i serpenti..."

"Voglio dirvi che se qualcuno usa dei soprannomi per bullizzarvi sui social e anche se un sacco di gente inizia a fare lo stesso, questo non vi deve abbattere. Invece vi può rendere più forti" ha concluso e seppure non abbia fatto nomi, il riferimento è tutto per Kim Kardashian.

La faida tra Taylor Swift e Kim Kardashian ha radici lontane: ti ricordi la famosa scena agli MTV VMA 2009, quando il marito di Kim, Kanye West, interruppe il discorso di ringraziamento della cantante?

E poi ci fu "Famous", che causò la frattura più grande nei rapporti tra Kim, Kanye e Taylor Swift: nel brano il rapper cantava parole non proprio gentili nei confronti di Tay Tay (nonostante sostenesse di averla avvertita prima, mentre la cantante smentiva). Dopo quella vicenda, la regina dei reality americani aveva dedicato il "giorno nazionale del serpente" a Taylor.

Ma con l'uscita di "Reputation", Taylor Swift si era riappropriata del serpente e della sua iconofrafia e Kim Kardashian era stata costretta a bloccare quell'emoticon sul suo account Instagram.

ph: getty images