“Stranger Things”: Sophie Turner difende i giovani attori della serie dai fan troppo insistenti

Brava!

Non è la "sua" serie, ma poco importa a Sophie Turner che si è esposta in difesa degli attori di "Stranger Things".

È infatti scoppiata una polemica dopo che qualcuno ha postato un video in cui Finn Wolfhard (Mike Wheeler in "Stranger Things") non si ferma a salutare i fan mentre entra in un hotel a New York.

 

 

Sotto il video, la scritta tristemente ironica: "Immagina avere 14 anni ed essere così senza cuore che non ti fermi neanche per i fan che ti hanno reso famoso".

A questo punto Sophie Turner si è sentita in dovere di intervenire: "Dannazione - ha twittato - vedere adulti grandi e grossi aspettare i ragazzi di 'Stranger Things' e poi maltrattarli se non si fermano... è inquietante".

 

 

"Non importa se sono degli attori, prima di tutto sono dei ragazzini. Datagli spazio invece di farli crescere sentendosi in debito" ha aggiunto.

Sophie Turner - che si è appena fidanzata ufficialmente con Joe Jonas - aveva 14 anni quando iniziò a lavorare ne "Il Trono di Spade" e probabilmente riesce bene a immedesimarsi negli attori più piccoli di "Stranger Things".

 

 

Anche il resto del cast, come Shannon Purser (Barb) e Noah Schnapp (Will), ha espresso il suo supporto per Finn Wolfhard.

"Stranger Things" le audizioni originali dei giovani attori

stranger-things

ph: getty images