Shawn Mendes ha spiegato come condividere il suo problema con l’ansia sia stata: “la cosa più importante che ho fatto”

Forza Shawn!

Sempre più star e sempre più persone in generale stanno alzando il volume sulla salute mentale: un tema di cui è fondamentale parlare per far sì che ci si possa dare una mano a vicenda e che non ci si senta più soli, una volta ascoltate le esperienze degli altri.

Tra questi c'è anche Shawn Mendes che, lo scorso aprile, si era messo a nudo davanti al pubblico della SSE Hydro Arena di Glasgow, in Scozia. Il cantante aveva fatto un discorso che aveva toccato i fan, confessando che lo show era il primo, a distanza di un anno, che affrontava senza prendere i farmaci che lo aiutano a combattere l'ansia.

Adesso il 20enne ha spiegato come quelle parole siano state un punto di svolta per lui: "Parlare del problema, metterlo là fuori, è stata una delle cose più spaventose ma più importanti che abbia mai fatto" ha detto a People.

Shawn Mendes ha raccontato che "In My Blood" è stata ispirata proprio dal sentimento di ansia che a volte prova e di cosa faccia per superarlo: "Buttarmi, semplicemente fare, mi aiuta molto. Ancora ho difficoltà, ma cerco di ricordare ogni giorno che chiunque ha a che fare con un certo livello di ansia o di pressioni, siamo tutti sulla stessa barca".

Uno stress che arriva dal fatto di essere una celebrità mondiale, ma allo stesso tempo il canadese resta con i piedi per terra: "Torno ancora a Toronto ed esco con gli amici con cui sono cresciuto. E la mia famiglia è sempre stata molto supportiva".

Forza Shawn!

ph: getty images