Miley Cyrus: la cantante spiega perché non è più dispiaciuta per le foto nuda di dieci anni fa

"Sono gli altri a doversi vergognare"

Miley Cyrus ha spiegato perché si è rimangiata le scuse per aver posato nuda a 15 anni.

Qualche giorno fa, la cantante di "Younger Now" ha twittato: "Non sono dispiaciuta" parlando del servizio pubblicato da Vanity Fair nel 2008, in cui l'artista era stata fotografata con indosso solo una coperta e che aveva causato un sacco di polemiche, tanto che all'epoca aveva chiesto scusa.

"Un sacco di cose sono cambiate da allora. Sicuramente alcuni hanno pensato che secondo loro avevo fatto qualcosa di sbagliato - ha detto Miley nel salotto di Jimmy Kimmel spiegando perché ha cambiato idea - Ma penso che sia sbagliato dire che dovevo vergognarmi. Non è una cosa carina da dire, a parte a Donald Trump".

"Mi sono scusata all'epoca, ma sono sicura che qualcuno mi ha detto di farlo. Ecco perché non voglio più fare quello che mi dice la gente, è un'idea che fa schifo".

"Cercavo di trovare un equilibrio e capire cosa vuol dire essere un modello, e adesso penso di essere un modello per il mio spirito libero e per il mio atteggiamento senza rimorsi".

"Quando quelle foto sono state scattate, mia sorella Noah era sul set - ha continuato Miley Cyrus - Sedeva vicino a Annie Leibovitz (la famosa fotografa autrice del servizio). Non c'era niente di sessualizzante su quel set. Sono stati i pensieri avvelenati a trasformarlo in qualcosa che non si supponeva dovesse essere. Sono loro a doversi vergognare".

Guarda l'intervista completa qui:

ph: getty images