Kristen Stewart è consapevole di non essere sembrata simpatica all’inizio della sua carriera

Ma ti vuol far sapere che non è "una st***a"

Kristen Stewart aveva 17 anni quando la sua carriera decollò con "Twilight" ed è tornata a parlare di quel periodo in un'intervista con Vanity Fair.

Prima ha citato la celebre saga riferendosi al fatto di aver poi lavorato in film indipendenti: "Mi hanno dato la possibilità di non essere vista come questa cosa nella cultura dell'ossessione per le celebrità, in cui dicevano: 'Oh quella è la tipa di Twilight'".

Poi ha spiegato di essere consapevole di non essere apparsa troppo simpatica durante l'era "Twilight" e ha messo in chiaro di non essere come sembrava: "Penso di esserne uscita ora ma una volta ero molto frustrata perché non mi piaceva essere al centro di tutta quella attenzione e la cosa faceva sembrare che fossi una st***a".

"Non sono una ribelle, non sono una bastian contrario. Voglio solo piacere alle persone".

Qualche mese fa, anche Robert Pattinson - co-star in "Twilight" all'epoca fidanzato di Kristen Stewart - aveva definito "spaventosa" la troppa fama dovuta alla saga e aveva ammesso di aver poi cambiato idea sulla qualità di quei film.

ph: getty images