Kanye West si è scusato pubblicamente con Kim Kardashian, chiede il suo perdono

"Non l'ho protetta come mi ha protetto"

Kanye West si è scusato pubblicamente con la moglie Kim Kardashian.

Il 43enne aveva destato scalpore durante il primo discorso per la sua candidatura a presidente degli Stati Uniti tenuto in Carolina del Sud, perché piangendo aveva raccontato di aver pensato all'aborto quando Kim aspettava la primogenita North. Poi uno sfogo su Twitter, in cui Kanye aveva lanciato strane accuse nei confronti della consorte e della suocera Kris Jenner che avrebbero cercato di "richiuderlo".

A seguito delle affermazioni allarmanti del marito, Kim aveva rilasciato una dichiarazione ufficiale in cui spiegava la lotta di Kanye con il disturbo bipolare e di come il suo recente comportamento fosse un episodio di questa condizione che causa cambiamenti estremi nell'umore.

Ora il rapper ha condiviso le sue pubbliche scuse via Twitter, chiedendo alla moglie il suo perdono per aver oltrepassato la linea ed aver reso pubblici fatti molto privati della loro vita insieme.

"Vorrei scusarmi con mia moglie Kim per aver reso pubblica una cosa privata. Non l'ho protetta come mi ha protetto. A Kim voglio dire che so di averti fatto del male. Ti prego, perdonami. Grazie per essere sempre stata qui per me”.

getty images

Kanye si è rifugiato nella sua residenza in Wyoming, mentre si sta concentrando di nuovo sulla sua musica. Ha anche posticipato l'uscita del nuovo album "Donda", la cui pubblicazione era stata annunciata per il 24 luglio.

Nei giorni scorsi, Justin Bieber è andato a trovare l'amico nel suo ranch in Wyoming per dargli il suo supporto. Chissà se sono state proprio le parole di Justin a far riflettere Kanye.

Auguriamo a Kanye tutto il meglio, mentre attraversa questo periodo di prova.

ph. getty images