Dolce e Gabbana, polemica per le frasi sulle famiglie gay. Elton John e altre star rispondono sui social

Dopo le dichiarazioni contro le adozioni gay, alcune star hanno deciso di intervenire sul dibattito
Le dichiarazioni di Dolce e Gabbana sulle adozioni gay hanno infiammato il weekend. In una recente intervista gli stilisti hanno detto di essere a favore della "famiglia tradizionale" e di avere perplessità su quelli che hanno definito "i figli della chimica". Dichiarazioni che hanno scatenato le reazioni di molte persone, che hanno manifestato il loro disappunto sui social con l'hashtag #BoycottDolceGabbana lanciato da sir Elton John. Durante l'intervista - rilasciata al settimanale Panorama - gli stilisti hanno parlato a lungo dei temi legati alla famiglia. I due, fra l'altro, hanno manifestato opinioni diverse. Mentre Stefano Gabbana ha dichiarato che un figlio lo farebbe "anche subito", Domenico Dolce è stato lapidario: "Tu nasci e hai un padre e una madre. O almeno dovrebbe essere così, per questo non mi convincono i figli della chimica, i bambini sintetici, uteri in affitto, semi scelti da un catalogo". Dolce ha anche liquidato l'argomento paternità con questa frase: "Sono gay, non posso avere un figlio. La vita ha un suo percorso naturale, ci sono cose che non vanno modificate. E una di queste è la famiglia". Dichiarazioni che non sono piaciute a molte persone, che hanno manifestato il proprio malcontento sui social. Fra i primi a prendere posizione contro le dichiarazioni degli stilisti è stato Elton John, che ha avuto due figli con la fecondazione in vitro dal marito David Furnish. Il cantante ha subito ribattuto su Instagram con un lungo messaggio e con il lancio dell'hashtag #BoycottDolceGabbana:
"Come vi permettete di chiamare i miei bellissimi figli "sintetici"? Vergognatevi per esservi scagliati contro la fecondazione in vitro, un miracolo che ha permesso a un sacco di persone per bene - gay ed etero - di realizzare il sogno di avere bambini. Il vostro pensiero arcaico non è al passo coi tempi, proprio come i vostri vestiti. Non indosserò mai nulla Dolce&Gabbana #BoycottDolceGabbana"
Dello stesso avviso Courtney Love, che ha manifestato tutto il suo disappunto con un post durissimo:
"Ho appena messo insieme tutte le mie cose Dolce & Gabbana e voglio bruciarle. Sono senza parole. Boicottiamo questo bigottismo insensato"
Idem Ricky Martin, padre di due gemelli avuti da madre surrogata:
"Le vostre voci sono troppo importanti per spargere così tanto odio. Sveglia, siamo nel 2015. Amate voi stessi ragazzi"
L'hashtag ha preso piede su Twitter, tanto che gli stilisti hanno optato per un chiarimento. Dolce, infatti, ha dichiarato quanto segue:
"Sono siciliano e sono cresciuto con un modello di famiglia tradizionale, fatto di mamma, papà e figli. So che esistono altre realtà ed è giusto che esistano, ma nella mia visione questo è quello che mi è stato trasmesso, e con questi i valori dell’amore e della famiglia. Io sono cresciuto così, ma questo non vuol dire che non approvi altre scelte. Ho parlato per me, senza giudicare le decisioni altrui"