Diplo ha ammesso che criticare Taylor Swift è stata: “la peggior decisione della mia carriera”

Non vuole più essere "il cattivo del pop"

"La peggior decisione della mia carriera": così Diplo ha bollato la faida che aveva iniziato contro Taylor Swift nel 2014.

Il dj ne ha parlato in un'intervista con ES Magazine, ammettendo che il suo comportamento nei confronti della cantante lo ha fatto apparire "uno st***zo".

 
 
 
 
 
View this post on Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

My cover story was such a disaster they are literally giving these magazines away @evening.standard

A post shared by diplo (@diplo) on

"Sono una persona strana, spiritosa, ma il io senso dell'umorismo non è stato preso bene - ha spiegato il 40enne - Poi ho pensato, davvero voglio essere conosciuto come uno st***zo? Nella mia opinione non lo sono stato, ma ho usato i social media come fossero uno scherzo. Poi la cosa è diventata davvero reale".

"Quel che è divertente è che adesso non so neanche la mia password di Twitter. Qualcun altro twitta per me".

Diplo ha aggiunto di essere sollevato di non venire più descritto come "il cattivo del pop".

Tutto era iniziato cinque anni fa quando il dj era inciampato in un atto di body shaming, twittando: "Qualcuno dovrebbe lanciare un Kickstarter per comprare un lato B a Taylor Swift". All'epoca stava frequentando Katy Perry, che era in piena lite con la cantante, faida che si è da poco conclusa.

Due anni dopo, Diplo aveva lanciato un'altra frecciatina sulle pagine di Rolling Stone: "La musica è nelle mani dei ragazzi, che la ascoltano in streaming. Vogliono sentire Rockstar (di Post Malone) e Bodak Yellow (di Cardi B). Ma non vogliono sentire cose come Look What You Made Me Do (di Taylor Swift)" aveva detto.

"Quel tipo di musica non si relaziona con loro, non penso che l'abbia mai fatto. È solo questione di radio e budget di marketing".

Se invece tu ti relazioni eccome con la musica di Taylor Swift, ti basta schiacciare play per il video del suo ultimo singolo:

ph: getty images