Demi Lovato si rifiuta di essere zittita e ha citato Taylor Swift come esempio

Star che non hanno paura di esporsi politicamente

"Commander in Chief" è il nuovo singolo di Demi Lovato e si sviluppa attorno a una tematica politica.

La cantante ha riassunto e messo in musica ciò che pensa di fronte all'ingiustizia razziale, alla crisi scatenata dalla pandemia di covid-19 e alle altre notizie di attualità, rivolgendosi direttamente al "comandante in capo". Non lo cita per nome ma è ovvio che nel caso degli Stati Uniti d'America stia parlando del presidente Donald Trump.

Il brano arriva anche in un momento storico importante, perché il prossimo 3 novembre si terranno le elezioni presidenziali negli USA.

In molti hanno applaudito la 28enne perché usa la sua voce per ciò in cui crede, ma c'è anche chi ha minacciato di non ascoltarla più e insinuato che la sua carriera risentirà del fatto di essersi esposta.

Demi Lovato ha risposto a uno di questi commenti e poi ha ripostato il tutto nelle Stories: "Ecco la mia risposta a chi vuole zittirmi" ha scritto. Puoi leggere nel post il commento:

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Demi Lovato via instagram stories ( @ddlovato ) ▫ #demilovato #demi #lovato #lovatic #lovatics

Un post condiviso da 🍒 t h e d d l o v a t o 🍒 (@theddemi_snapchats) in data:

Poi ha pubblicato un'altra Story mettendo in chiaro una volta per tutte: "Musica è arte, arte è espressione destinata a creare conversazione. Ci stiamo avvicinando alle elezioni più importanti delle nostre vite. Questa canzone non parla di divisione, parla di trovare risposte dal nostro attuale presidente".

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Demi Lovato via instagram stories ( @ddlovato ) ▫ #demilovato #demi #lovato #lovatic #lovatics

Un post condiviso da 🍒 t h e d d l o v a t o 🍒 (@theddemi_snapchats) in data:

Poco dopo, è stata intervistata dalla CNN a proposito di star che si espongono politicamente e delle critiche che ricevono per questo, citando Taylor Swift.

via GIPHY

"Vieni condannato se lo fai, vieni condannato se non lo fai - ha detto Demi - Puoi prendere Taylor Swift come esempio perfetto di questo. Per anni è stata criticata perché non prendeva una posizione, non si esponeva per certi diritti e stava in secondo piano su questo. Ora è diventata molto politica e ci sono persona che non sono felici neanche così".

"Devi vivere come quello che senti essere l'autentico te stesso. Per me, è usare le mie piattaforme per parlare di cose che vedo che sono sbagliate".

È uscito oggi il video di "Commander in Chief": guardalo qui!

ph: getty images