Demi Lovato avrebbe licenziato il coach che l’aiutava a restare sobria, tre settimane prima di essere ricoverata

"Lui aveva capito che non gli diceva la verità"

Mentre continuano ad arrivare messaggi di sostegno per Demi Lovato (hai letto quelli bellissimi della mamma di Selena Gomez e di quella di Ariana Grande?), spuntano anche i primi dettagli su come la cantante sia ricaduta in una spirale negativa.

Demi ora starebbe recuperando ed è circondata dalla famiglia, ma si trova ancora in ospedale  dove era stata portata dopo essere trovata incosciente nella sua casa, per sospetta overdose.

Da molto tempo la 25enne combatte contro i demoni dell'alcol e della droga ed era finita in rehab nel 2010. Ma da sei anni era sobria e ad aiutarla in quel viaggio c'era il coach Mike Bayer, che compariva anche nel documentario "Simply Complicated".

Adesso il The Sun ha spiegato che l'artista avrebbe licenziato Bayer tre settimane prima di sentirsi male ed essere ricoverata.

Secondo il giornale, Demi Lovato e il sober coach non andavano più d'accordo dallo scorso marzo: "Litigavano perché lui sentiva che la cantante stava cercando delle scuse per i suoi comportamenti sbagliati e non gli diceva la verità su quello che stava facendo". 

"Lo ha licenziato tre settimane fa dopo l'ultima discussione, in cui lui le ha fatto notare cose che lei non voleva sentire. E tutto è diventato confusionario perché Mike era la roccia a cui si affidava dopo la fine della relazione con Wilmer Valderrama".

E proprio l'ex fidanzato sarebbe l'unico personaggio famoso ad avere avuto il permesso di andare a trovare Demi Lovato, mentre la famiglia della cantante starebbe cercando un centro di riabilitazione dove mandarla dopo le dimissioni dall'ospedale.

ph: getty images