Demi Lovato ha raccontato il momento esatto in cui ha capito di essere queer

Stava guardando il film "Cruel Intentions"

Demi Lovato ha condotto lo speciale di Facebook Coming Out 2020 in onore della Giornata del Coming Out e si è aperta sulla sua stessa esperienza.

La cantante ha infatti ricordato di aver avuto un momento rivelatore riguardo alla sua sessualità, mentre guardava il film Cruel Intentions.

"È stato sicuramente quando ero più piccola e non avrei dovuto guardare il film Cruel Intentions ma l'ho fatto. E c'è una scena dove si baciano al parco - ha detto, raccontando che è stato così che ha capito di essere queer - Mi sono detta: 'Oh aspetta un attimo, mi è davvero piaciuto questo, voglio provarlo'. E poi quando avevo 17 anni, l'ho fatto".

La scena in questione del film del 1999 era interpretata da Sarah Michelle Gellar nei panni di Kathryn Merteuil e Selma Blair in quelli di Cecile Caldwell: la prima insegnava alla seconda come baciare, sedute su una coperta durante un picnic in un prato.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

This is me not knowing what to do with my hands ✋🏼🤚🏼😝

Un post condiviso da Demi Lovato (@ddlovato) in data:

Demi Lovato ha continuato spiegando che alcune sue canzoni parlano di ragazze, anche se spesso tutti pensano che siano su dei ragazzi: "Ci sono state volte in cui ho scritto canzoni su ragazze che i miei fan pensano che io le abbia scritte su dei ragazzi. Sono sorpresa che alcuni di loro non hanno capito che alcune canzoni erano per certe persone. Lo stavo condividendo con il mondo ma non in un modo completamente ovvio. La musica è il mio spazio sicuro".

Le è stato quindi domandato se il brano "Cool for the Summer" parli di essere lesbica: "Non lo confermo e sicuramente non lo nego. Tutte le mie canzoni sono basate su esperienze personali. Non penso che ci sia niente di male nello sperimentare".

Infine ha parlato del suo coming out come queer, spiegando di averlo gestito in tre fasi: "L'ho detto a tutti i miei amici e alla mia sorella maggiore quando avevo 17 anni. Lo sapevano prima che lo dicessi ai miei genitori e poi al pubblico. Queste sono state le mie tre fasi: amici, genitori, pubblico".

ph: getty images