Brendon Urie non ci è andato leggero difendendo Taylor Swift nel caso contro Scooter Braun

"Leggere la lettera di Taylor mi ha spezzato il cuore"

Brendon Urie è l'ultima star ad aver parlato del dramma in corso tra Taylor Swift e Scooter Braun.

Tutto è iniziato quando la cantante ha accusato il manager di essere stato un bullo nei suoi confronti e di non averle dato la possibilità di possedere la sua musica, dopo che Braun ha acquistato la Big Machine Label Group, che possiede gli album di Tay Tay usciti fino a oggi (vai qui per il riassunto del dramma).

Il 32enne dei Panic! at the Disco ha preso posizione in favore della collega, con la quale ha recentemente collaborato sul singolo "Me!", e non è andato alla leggera.

"Questo Scooter Braun m***a, che pezzo di m***a, giusto? Voi ragazzi conoscete questo tipo? - ha detto Brendon Urie in uno stream con i fan - Leggere la lettera di Taylor mi ha spezzato il cuore e mi sono detto: 'Suona giusto'. Le persone tossiche fanno i bulli tossici in questa industria tossica".

Poi ha parlato più in generale dell'acquisizione dell'etichetta e delle prime registrazioni (quelle da cui poi vengono fatte tutte le copie di un brano) che essa porta con sé.

"È disgustoso, giusto? Che st***o. Pensavo fosse illegale, fare business dietro alle spalle della gente che ha scritto le canzoni. Farlo senza che lo sappiano. Dovrebbe esserci un tempo in cui legalmente devi avvertire la gente. Ci deve essere un precedente".

Guarda tu stesso:

Brendon Urie non è il primo a difendere Taylor Swift: star come Halsey e Cara Delevingne e persone vicine all'artista come la mamma di Selena Gomez hanno già espresso il loro sostegno. Justin Bieber e Demi Lovato si sono invece esposti per il loro manager.

Tutte le star che supportano Taylor Swift nel dramma contro Scooter Braun (e viceversa):

ph: getty images