Bebe Rexha difende il padre, dopo che lui ha bollato come “pornografico” il suo ultimo video

What?!

L'ultimo video di Bebe Rexha non è piaciuto per niente a suo padre e adesso la cantante è tornata a casa a New York per chiarire le cose.

Tutto è iniziato quando la 29enne ha postato lo screenshot di alcuni messaggi mandati dal papà, in cui si legge: "Faresti meglio a smettere di postare stupida pornografia perché mi fai stare male. Non ce la faccio più" e ha aggiunto di sentirsi in imbarazzo ad uscire in pubblico e di essere molto arrabbiato con lei.

Pubblicando la conversazione nelle Stories, Bebe ha aggiunto la scritta: "Mio papà mi odia".

I messaggi del papà dell'artista sarebbero riferiti all'ultimo video, "Last Hurrah", in cui effettivamente succede di tutto e che anche YouTube ha etichettato come "contenuto sensibile".

I fan di Bebe Rexha sono prontamente intervenuti in sua difesa, ma la cantante ha calmato gli animi in un tweet ora cancellato: "Non dite cose cattive suo mio padre per favore, è un padre fantastico. Non avrei dovuto postare lo screenshot, volevo essere sarcastica. Capisco cosa provi come padre ed ecco perché i messaggi sono così duri".

L'arista ha anche spiegato che il padre non le parla più da quel momento: "ma è comunque mio padre".

Ecco perché nelle ultime ore ha deciso di tornare a New York, dov'è nata, proprio per incontrare il papà e fare pace.

Fermata da TMZ in aeroporto, ha ribadito il concetto: "Mio padre è mio padre nonostante tutto e il video è piuttosto pazzo, quindi lo capisco. Non parlate male di lui".

Quando YouTube aveva flaggato come sensibile "Last Hurrah", Bebe Rexha aveva scritto su Twitter: "Sono una donna che vive senza rimorsi e non mi sentirò in colpa per aver fatto arte. Se un rapper maschio avesse fatto uscire lo stesso video, tutto sarebbe andato bene".

ph: getty images