Victoria’s Secret Fashion Show 2017: la collezione accusata di appropriazione culturale

Questa non è la prima volta

Piovono polemiche sul Victoria's Secret Fashion Show di Shangai, come se i problemi con le autorità cinesi non fossero già bastati. Molti utenti sui social stanno accusando VS di appropiazione culturale.

Embed from Getty Images

La sfilata di Victoria's Secret ogni anno è divisa in segmenti tematici, quest'anno è stata criticata la collezione "Nomadic Adventure". Un tripudio di piume e perline, che ricordano molto i costumi tribali dei nativi americani.

Embed from Getty Images

Embed from Getty Images

In effetti, la somiglianza si vede anche a colpo d'occhio.

Sarebbe stato meglio un tributo alla Cina? Ma l'avevano già fatto l'anno scorso a New York, con tanto di Elsa Hosk avvolta in un drago. Anche quello show fu accusato d'appropiazione culturale. Ovviamente.

Embed from Getty Images

VS la fece proprio grossa nel 2012. Ogni ragazza rappresentava un mese dell'anno e Karlie Kloss sfilò con un copricapo ispirato ai nativi americani e gioielli turchesi. Il suo mese era novembre - Ringraziamento. 

Embed from Getty Images

La cosa fece talmente scalpore che tagliarono l'ensemble dalla messa in onda televisiva dello show.

Ma noi preferiamo ricordare la passerella di quest'anno per i passi di danza di Harry Styles, per la modella caduta sulla catwalk, l'addio di Alessandra Ambrosio al VSFS e il reggiseno da 2milioni di dollari!

E soprattutto per i capezzoli pazzi di Bella Hadid, che sono saltati fuori proprio davanti alle telecamere:

PH: getty images