Campionato Italiano di Surf 2014: il report della tappa di Magaggiari

La seconda tappa dei Campionati Italiani di Surf 2014 si è svolta a Magaggiari, in Sicilia, e i rider Protest sono andati alla grande!
La prima prova del Campionato Italiano di Surf, nella cornice del Turan Contest nello storico spot Banzai, è andata bene per i rider Protest. Ma la seconda, svoltasi a Magaggiari, in Sicilia, è andata ancora meglio. Il team Protest era rappresentato da Lorenzo Castagna e Niccolò Amorotti, ed entrambi se la sono cavata alla grandissima, ottenendo due splendidi risultati. Sin dalla mattina lo spot presentava onde sinistre alte circa due metri, e nel corso della giornata si sono stabilizzate sul metro e mezzo, permettendo comunque il regolare svolgimento della gara e consentendo agli atleti - circa quaranta - di eseguire un ampio repertorio di trick spettacolari. Il pubblico è accorso numeroso, e la spiaggia si è affollata di addetti ai lavori, appassionati e semplici curiosi nel giro di poche ore. Lorenzo e Niccolò erano in piena forma e hanno sfoggiato da subito uno stile deciso e sicuro che ha permesso loro di superare senza problemi le batterie iniziali. Amorotti ha da subito messo in mostra le sue skill, ma il livello della competizione era molto alto, e si è dovuto quindi fermare ai quarti di finale, senza la possibilità di accedere alla fase successiva della gara per un pugno di punti. Ma è stata comunque una bella esperienza, che Niccolò ha descritto con queste parole: “Sono molto soddisfatto della gara e anche delle onde che oggi erano veramente belle." Lorenzo Castagna, invece, ha tenuto duro fino alla finale, lottando duramente per aggiudicarsi il podio. La vittoria sembrava sua, ma un errore lo ha fatto cadere sull’onda. Si è comunque guadagnato uno splendido secondo posto dopo una gara spettacolare, in cui Lorenzo ha dominato in tutte le heat. L’ennesima conferma del talento di uno dei migliori surfer italiani, che si è espresso così sulla seconda tappa del Campionato Italiano di Surf: “Nelle gare bisogna dare il 110 per cento se si vogliono battere i migliori e non si puo' non rischiare. Sono comunque soddisfatto della prestazione e vorrei fare i complimenti agli organizzatori di Isola surf per la gara.” E ora si attendono i prossimi risultati.